L'avvento dei CAD-CAM

Le elevate aspettative estetiche, richieste oggi da un numero sempre maggiore di pazienti, hanno stimolato le più importanti aziende produttrici del settore odontoiatrico, verso la ricerca di prodotti che sostituissero le tradizionali protesi in metallo ceramica, soluzione adottata con successo per decenni, ma con compromessi estetici (totale mancanza di passaggio di luce) reputati inaccettabili in odontoiatria estetica.

L’avvento dei CAD-CAM nel settore dentale consentono, oggi, la lavorazione di materiali alternativi adatti al posizionamento nel cavo orale con risultati eccezionali.

Tra questi l’Ossido di Zirconio è sicuramente il più affidabile.

Le strutture realizzate con tale materiale possiedono caratteristiche chimico-fisiche tali da consentirne l’utilizzo in tutti i prodotti protesici abitualmente realizzati in metallo con risultati estetico-mimetici decisamente superiori.

Tali caratteristiche sono:

  1. Elevata resistenza alla flessione  (ca 1.200 Mpa)
  2. Traslucenza paragonabile alla dentina naturale
  3. Standard di precisione ottimale (30-50 micron)
  4. Elevata Biocompatibilità

L’ossido di Zirconio può essere utilizzato in tutte le indicazioni protesiche senza  dover apportare alcun cambiamento ai protocolli di lavoro abituali sia in termine di preparazione ne tanto meno nella cementazione.

E’ possibile infatti eseguire sia il classico Chamfer sia, nel caso di perioprotesi, preparazione a finire.

Per quanto concerne la cementazione provvisoria, si possono utilizzare i consueti prodotti, mentre per la fissazione definitiva le alternative sono  costituite dai tradizionali vetroionomerici o l’utilizzo della tecnica adesiva con compositi duali.

Scanner “Sinergia”

Scansione e progettazione al CAD di una riabilitazione superiore in zirconio.