Il Cromo-Cobalto Biomedicale

Il Cromo-Cobalto Biomedicale

L’avvento delle tecnologie cad cam oltre ad aver letteralmente “rivoluzionato” il settore odontoprotesico, con l’immissione sul mercato di prodotti totalmente innovativi come lo zirconio, ha consentito il miglioramento dell’utilizzo di materiali presenti nelle lavorazioni abituali rendendole più performanti sotto l’aspetto meccanico e più sicure dal punto di vista biologico. Tra questi spicca il cromo-cobalto biomedicale.

La Fresatura

Il processo di fresatura viene realizzato per mezzo di sottrazione di materiale da una cialda grezza utilizzando varie frese da incisione e foratura. E’ particolarmente adatta per lavori implantari tipo monconi e barre.

Il Laser Melting

Il processo realizzativo laser-melting consiste nella solidificazione della polvere di cromo cobalto biomedicale,strato su strato, per mezzo di un raggio laser all’ittrio che fonde completamente la polvere. Tale fusione avviene in un ambiente controllato con saturazione di gas Azoto. In tale condizione il metallo è privo di inclusioni gassose,enorme problema che si puo verificare con le tecniche di fusione convenzionali.

Con l’ausilio di tale tecnologia abbiamo la certezza di ottenere prodotti aventi eccellenti proprietà meccaniche,buona qualità superficiale, elevata densità e quindi assenza di tensioni interne.

La tecnica di stratificazione sequenziale, consente di realizzare forme complesse, difficilmente ottenibili con la tecnica di fresatura.

Il cromo cobalto biomedicale soddisfa tutte le richieste di biocompatibilità.

Laser Melting

Struttura Fresata

Ceramica su Cromo Cobalto